In sala con… BabEle

Happy Family:

Gabriele Salvatores colpisce ancora

by BabEle

E’ stato quando si sono abbassate le luci che ho capito che il pop corn XL non sarebbe mai bastato per i trailer iniziali. E’ un buon inizio. Una calda aspettativa crea in me un senso di vuoto allo stomaco che va riempito in fretta e con foga. Ecco i titoli di apertura. La musica allegra promette un film frizzante ed ironico.

Fabio DeLuigi si presenta come Ezio Colazzi e vuole scrivere un film. Ecco che, allora, inizio a seguirlo mentre porta a spasso Gianni (il suo cane) o scorrazza in bicicletta in giro per una bellissima Milano. Seguo, con lui, anche il suo sveglio filo logico in cui vengono presentate due famiglie, ognuna particolare a modo suo, assortita a modo suo, che si incontrano perchè i figli, a malapena adolescenti, sono decisissimi a sposarsi. Con un continuo di citazioni, auto e non, che non pesano minimamente (e fidatevi che se lo dico io…) seguo ancora le immagini e, con la curiosità che mi accompagna durante sempre meno riproduzioni, osservo le varie “nature” dell’uomo ognuna dislocata in un personaggio diverso e in tutti insieme contemporaneamente. Sono poco obiettiva? Probabile: raramente sono rimasta delusa da Salvatores. I personaggi parlano con il pubblico, sono vivi, si confrontano e si aprono, senza lasciare quei dannati sospesi che affaticano chi guarda… E d’altra parte però, non spiattellano tutto come viene, sul banco, ma invitano ad una fresca riflessione su che cosa è l’uomo oggi, da sempre.

          Badate bene, il film fa sorridere: sorridere, non ridere. Non è un film espressamente comico, è un film ironico e spigliato. Non è uno di quei film all’italiana a cui ultimamente siamo un po’ troppi abituati che basa il suo umorismo su doppi sensi facili e scontati. Non è, e qui vi prego di starmi a sentire, un film per bambini solo perchè si chiama “Happy family”: oltre a non trovarlo piacevole in alcun modo, il bambino non farà che lagnarsi che non capisce cosa succede…

         Monito a parte, questa pellicola brilla anche nel cast: articolato su tre generazioni, si parte da DeLuigi (perfetto trentenne dall’aspetto insicuro), si passa per la Buy (ha un po’ monopolizzato la scena del cinema italiano ma ci piace così) e si arriva alla Signoris (perfetta è dire poco). Si osserva con sorpresa la seconda prova da attrice di Valeria Bilello (ho sentito qualcuno dire MTV? AllMusic? Da poco NonSoloModa? Sì, sempre lei. Adorabile. L’altro film in cui la troviamo è il tristissimo “Il papà di Giovanna”), si slitta su Abatantuono (consolidatissimo e amatissimo da Salvatores per la parte del “pazzo”) senza perdere Bentivoglio (pacato, tenue, elegante, sempre preciso e con quel fascino da uomo distante ma abbordabile… Ok. Mi piace, l’avete capito?). Si finisce sui due giovanissimi Alice Croci e Gianmaria Biancuzzi (entrambi alla prima esperienza in un circuito di serie A in cui si immergono in personaggi credibili e piacevoli pur non facendo proprio il botto).

Insomma… A rileggermi sembra che Salvatores mi abbia pagato per fargli una buona pubblicità, ma se lo faccio è perchè amo il buon cinema. Se lo faccio è perchè sempre più spesso esco dalle sale con la stessa espressione che ho quando sto ad un semaforo rosso.

Regia: Gabriele Salvatores

Sceneggiatura: Gabriele Salvatores, Alessandro Genovesi

Attori: Margherita Buy, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Fabio De Luigi, Carla Signoris, Valeria Bilello, Gianmaria Biancuzzi, Alice Croci

Tratto dall’omonima commedia di Alessandro Genovesi

 

 

Annunci

13 pensieri su “In sala con… BabEle

  1. Pingback: Happy Family – di Gabriele Salvatores « Le scale di BabEle

  2. Ti dirò, Fra, che anch’io ho una bicicletta simile, ma…

    La nostra BabEle, ha fatto una bella recensione, con occhio critico e competente. Devo confessarti, che è uno dei nostri fiori all’occhiello, e adesso che l’abbiamo trovata, non ce la lasciamo scappare tanto facilmente.

    Brava BabEle!

    ps: ho fatto quelle correzioni che mi avevi chiesto e spero che adesso vada tutto bene.

  3. Vedo che quest’articolo è molto gettonato, Babele. Non ho ancora visto questo film, ma dopo aver letto la rtua recensione, andrò senz’altro a vederlo e poi, Salvatores mi piace molto.

  4. Il mio problema è che ho una personale diffidenza verso i film sui film, estendendo questa antipatia ai romanzi che parlano di romanzieri che scrivono un romanzo…

    Nasce tutto dai musical che parlavano di musical che vidi nella mia infanzia 🙂

  5. A chorus line?? Noooo, io mi riferivo a quei film con Mickey Rooney e Judy Garland 😀

    Però hai ragione, mai essere troppo diffidenti, quindi se capita quasi quasi una chance a questo film gliela do’… Ma solo perché lo hai raccomandato tu 😉

  6. Volevo fare una proposta a BabEle…

    Ho visto l’altra sera Baarìa di Tornatore, e non ti dico cosa ne penso.
    Avresti voglia di fare la recensione a questo film, che secondo me merita un’attenzione del tutto particolare? 😉

    Facci sapere!

  7. Sorridere, non ridere. Era esattamente quel che mi aspettavo da questo film visto nella domenica di Pasqua più piovosa degli ultimi cento anni.

    Bel film, desidero rivederlo.
    PS: Da milanese posso dire che Milano rappresentata così è vera come le parole di un politico

    • Ciao Marco! Felice che concordiamo :DDD

      Per il tuo ps, purtroppo non mi esprimo perché Milano non l’ho mai nè vista nè vissuta… Mi aveva colpito tantissimo la fotografia particolare in alcuni punti del film 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...