L’opinione…

Accetta quel che c’è di buono…

by Arthur

          L’altra sera, ho visto un bel film e ad un certo punto, la protagonista dice ad un suo amico una cosa bellissima, che al momento mi era piaciuta e basta, ma poi ripensandoci, l’ho trovata così vera e al tempo stesso così improbabile che per tutta la sera non sono riuscito a togliermela dalla testa.

La frase, più o meno, diceva così: accetta quello che c’è di buono…

          In effetti, se ci pensate, dovrebbe essere per ognuno di noi naturale farlo, ma invece non è proprio così, avolte si è più coscienti del male che del bene, ci si crogiola nel dolore senza però la speranza di risorgere e allora, a questo punto mi domando, cosa è che non va in noi?

A volte, quando sono insieme ai miei amici, ridendo e scherzando, ci si prende in giro per come siamo per esempio al mattino, di quello che è il nostro approccio con la nuova giornata e, in effetti, vengono fuori tante di quelle cose che si potrebbe compilare una lunga lista di abitudini, le più disparate, le più creative, ma con sempre un fattore comune: quelli contenti e quelli arrabbiati.

          Eppure, al solo pensiero di essersi svegliati, dovremmo essere tutti contenti, cosa “c’e di meglio” se non aver aperto ancora per una volta gli occhi? Lo so, questa affermazione può sembrare banale, ma l’inizio di una nuova giornata potrebbe essere un modo come un altro per mettersi alle spalle le malinconie del giorno precedente, e invece, niente, c’è gente che se per caso la tocchi o soltanto le rivolgi la parola, reagisce come una iena in gabbia e giù improperi o a silenzi imbronciosi.

Poi ci sono quelli sempre scontenti, anche quando vivono una vita decorosa senza tanti problemi, ogni occasione è buona per lamentarsi, per desiderare qualcosa di più e ovviamente prendersela con gli altri perché non l’hanno. Quelli che quando li incontri hanno sempre un viso corrucciato, manco avessero sulle loro spalle le sventure del mondo intero, e se chiedi loro “come va… “, rispondono sempre che potrebbe andar meglio… a questo proposito, mi viene in mente un mio vecchio amico che, quando gli chiedevi come stava, lui dopo averti guardato con apprensione, rispondeva sempre “insomma… così, così… “ , ma lui a quanto sembra lo faceva per scaramanzia, perché gli altri, vedendolo felice…

          “Accetta quel che c’è di buono… “ … ma vi rendete conto che se solo dovessimo prendere alla lettera una piccolissima parte di queste parole, saremmo tutti un pochino più sereni?

Evvabè… !

pubblicato in Arthur…

 

13 pensieri su “L’opinione…

  1. Pingback: The Best Magazine_#3 « arthur…

  2. In effetti anch’io la mattina sono leggermente scontrosa, ma mi viene naturale, forse è qualche retaggio infantile che mi porto dietro, non lo so,

    Però dici una cosa giusta, dovremmo alle volte fermarci e, magari guardandoci intorno, essere più contenti di quello che abbiamo, ma come hai giustamente detto, non è facile farlo.

  3. “Accetta ciò che c’è e fai in modo di costruire ciò che manca.”
    Forse è un pò più lunga come frase ma può essere uno stimolo per migliorare. Questo non significa fingere un buonismo di circostanza, ma essere consapevoli dell’opportunità di scelta tra l’essere sereni o perennemente insoddisfatti.
    Ciao

  4. Dice un proverbio cinese: Curare il corpo è facile; curare lo spirito difficilissimo.
    Sembra facile dire “sorridi la mattina quando apri gli occhi” o “accetta ciò che c’è di buono” … a volte è talmente difficile trovare qualcosa di buono!

  5. Infatti, caro Spazio, il discorso del sorriso al mattino è solo una componente di tutto il discorso.

    La vera difficoltà delle persone alle volte è nel comprendere che è inutile la rincorsa a “possedere” più di quello che si ha (non solo in senso materiale, ovviamente…), perché la soddisfazione non nasce dalla quantità delle cose, ma da come si riesce a gestire.

    E a questo proposito mi viene sempre in mente quello che ogni tanto dice mia madre, (84 anni, parecchio acciaccata, cammina con difficoltà e quando lo fa, va spesso in affanno), che è meglio non lamentarsi, perché al mondo c’è che sta peggio e allora, quell’accetta quel che c’è di buono, dovrebbe essere un monito per ognuno di noi.

    Per quanto mi riguarda, ho amato e amo ancora tanto una ragazza che a 22 anni ha perso la vita, come potrei non cercare di essere sereno nel portare avanti la mia esistenza?

  6. Ma lo sai che guardo sempre questo bimbo, il tuo avatar e mi incuriosisce vedere la foto vera ingrandita…è troppo bellissimo come direbbe un bimbo…ddi piùùù😉 coperina del prossimo numero sarebbe veramente carinissimo!
    kate buona cena

  7. Io son sempre stato un sostenitore del “Ricomincio da tre” di Massimo Troisi”. Perchè ricominciare da zero quando, fatti i conti , ti accorgi che qualcosa di buono, anche solo tre cose, sei riuscito a realizzare? E allora si, accettiamo quel che c’è di buono…sicuramente questo atteggiamento ci sarà d’aiuto. Un caro saluto, Fabio

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...