Intermezzo

by Spaziocorrente

“Voglia di vacanze, voglia di me, voglia di te”.

Mi piace riassumere in questa frase i desideri che vorremmo realizzati in questo breve periodo dell’anno, capace di assorbire molte delle nostre energie e forse delle nostre aspettative. Vacanze, una parola che già pronunciarla solleva il morale ed agisce in modo positivo sul buon umore.

Voglia di vacanze, per spostare lo sguardo dall’abitudine dei nostri gesti, dal necessario dovere di giorni passati al lavoro e per approfittare di quella libertà che spazia dal fare quel che si può, quando si vuole, al non far niente ed essere contenti lo stesso. Dove trascorrere queste vacanze non è sempre così importante. Ognuno, potendo, sceglierà la sua meta, che sia al mare, in montagna, in città o altrove. Quel che conta è che queste giornate siano condite dalle parole come serenità, interruzione, novità, emozione, imprevisto, sorriso e ricca esperienza da raccontare al rientro.

Voglia di me, per sottolineare un’atteggiamento positivo nei propri confronti. Essere un po’ meno severi con se stessi, dedicando un po’ più tempo allo spirito oltre che al piacere del fisico. Voglia di rivedere pensieri o forse semplicemente perderli, perchè si è più predisposti per farlo. Coraggio di rimettere in discussioni certi limiti, anche solo per provare qualcosa di nuovo.

Voglia di te, perchè in due è meglio, perchè è bello condividere questo lasso di tempo che non gradisce muri d’isolamento ma terre libere in cui respirare aria di complicità e d’evasione. Voglia di te, come compagna o come amica; voglia di voi come compagnia di persone che si ritrovano e stanno bene insieme.

Tre ingredienti naturalmente sani per una vacanza meritata, a prescindere che questa ricetta sia valida anche per il resto dell’anno.

Si dice che le vacanze coincidano con più trasgressione (nel senso buono del termine e magari anche in quello cattivo). Voglio pensarlo come un fuori tempo per  “viaggiare leggeri”, disposti a bloccare l’ira che colpisce lo stomaco ed allungare una mano a chi ci è vicino (non nel portafoglio altrui ovviamente). Perciò godiamoci queste belle giornate di pausa, magari assaporando le calde serate passate a chiacchierare sulla spiaggia (o ad amare), mentre la luna luccica sul mare calmo. Oppure immergendoci nell’atmosfera di sentieri ombrosi di montagna, mentre salendo ad  una cima ammiriamo incantati ciò che la natura di un bosco riserva. O ancora divertendoci nelle feste paesane, condividendo risate e momenti di vera spensieratezza.

Per far questo non dobbiamo cambiare vestito e neppure pensare di indossare una maschera diversa da quella invernale. Dovremmo aver già imparato a non portarne. Allora basta rinnovare con più entusiasmo quel che siamo realmente, mostrando semplicemente agli altri la nostra splendida unicità.

Credeteci, il resto va da sé.

Buone vacanze

                                               20 Giugno 2010

 

Un pensiero su “Intermezzo

  1. Pingback: The Best number five | The Best Magazine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...