Radio OnAir non va in vacanza

… e lo speaker radiofonico non è che ci va poi tanto, soprattutto in estate!

Se siete giovani “adepti” delle radio locali/regionali, quest’anno le vacanze arriveranno per voi dopo tutte quelle dei “titolari” di programma.

Per quanti anni ho fatto questa gavetta?

Più di 10, ricavando mini vacanze dal lunedì al giovedì se non mancava nessuno, perché per un periodo di tempo ho fatto “loSpeakerSostituto” , quella figura che non può avere una sua identità radiofonica, ma che oggi trasmetterà dalle 6 del mattino commentando le notizie della giornata, domani probabilmente sarà di turno nel programma centrale del mattino, quello importante, con il capo sulle spalle perché COME FAI TU VA BENE, MA NON E’ COME SE CI FOSSE IL TITOLARE DEL PROGRAMMA!

Bene, l’argomento legato all’estate è la gavetta, periodo in cui si impara moltissimo, ma che ci fa mandare giù tanti gropponi in gola, perché state sempre sostituendo qualcuno e a volte anche gli ascoltatori non sono gentili e preferiscono il “solito speaker”.

Per anni mi sono sparata la diretta del sabato sera e quella della domenica e nel mezzo della notte andavo anche a lavorare in discoteca, perché fare radio solo nel fine settimana non ripaga in termini economici … e lavorare il sabato notte in discoteca, invece aiuta moltissimo l’economia precaria di un giovane in perenne prova.

Chiaramente, come scrivevo sopra, nei periodi in cui i miei colleghi “anziani” andavano in vacanza e i sostituti “anziani” non erano disponibili, venivo chiamata, sempre all’ultimo momento.

Una notte, ricordo, uscita dalla discoteca dove ero di turno, volo a casa, stanca, sudata e senza voce, l’unica voglia che avevo era quella di un bicchiere d’acqua e tante ore di sano sonno, ma alle 4.15 mi chiama la collega titolare del programma mattutino, che mi prega di correre a sostituirla!

Da dove ero e fino alla radio c’erano 40minuti di viaggio, oltretutto dovevo passare a comprare i giornali prima delle trasmissioni, che puntuali, cominciavano alle 06.00.

Tempo per la doccia? Nessuno!

Tempo per cambiare i vestiti da serata in discoteca? Nessuno!

Però, con me c’era un amico, che ha scelto di martirizzarsi con me, niente sonno e via alla radio, per una mirabolante trasmissione di tre ore!

Dopo la prima ora di diretta avevamo imparato a dormire 3 minuti per volta, rigorosamente sul mixer, con i tastini che ci lasciavano i segni sulla faccia.

Sono passati molti anni, faccio il conto a mente ora … sto contando… esattamente 14 anni da allora, io e il mio amico ancora ridiamo per quella notte, perché la prima cosa che dissi al microfono acceso, dopo aver schioccato la lingua sonoramente, fu  …  BUONA NOTTE, HO SONNO !

2 pensieri su “Radio OnAir non va in vacanza

  1. Pingback: The Best number five | The Best Magazine

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...