Libri…

ricorrenze, anniversari, cultura della libertà e democrazia

by Antonella

Tra il 2009 e il 2010 sono stati festeggiati importanti anniversari legati alle scienze e all’astronomia e, nello specifico, sono stati ricordati: la pubblicazione delle prime due leggi di Keplero, de “ L’origine della specie “ di Darwin, del “Sidereus Nuncius” ( Il Messaggero Celeste ) di Galilei, nonché le prime osservazioni di quest’ultimo al cannocchiale. Nasce, forse, anche da tutto ciò l’idea per scrivere un libro come: “ Hai vinto, Galileo!”.
La firma è quella dell’autore Piergiorgio Odifreddi, matematico di fama internazionale, nonché collaboratore di alcune delle piu’ importanti testate giornalistiche nazionali e scrittore dalla penna sapiente, schietta e, al tempo stesso, ironica.
Moderno Cicerone, accompagna il lettore in un escursus storico-scientifico affascinante, in diversi punti anche divertente, aggettivo solitamente assai difficile  da abbinare ad argomenti tanto seri.
Alzi la mano chi, seduto al banco di scuola, ha potuto solamente immaginare un Keplero che cammina nervosamente su e giù per la stanza, con le mani dietro la schiena, la fronte aggrottata rivolta a terra, nell’intento di trovare la soluzione per decodificare i messaggi occulti di Galileo!
“Haec immatura a me iam frustra leguntur oy “ (queste cose immature sono da me raccolte invano), anagramma da risolvere come “ Cynthiae figuras aemulator mater amorum “ cioè “ la madre degli amori (Venere) imita le figure di Cinzia (La Luna)”. Qui naturalmente si parla delle fasi di Venere, simili a quelle lunari. Ma non diamolo troppo per scontato, corre l’anno 1609!
Keplero e’ un duro, non molla e ci prova. Non ne azzecca una ma le sue soluzioni (che non collimano con quelle di Galileo ), anticipano scoperte come i satelliti di Marte, Phobos e Deimos (“Salve umbistineum geminatum Martas proles”, cioe’ “Salve, gemelli furiosi, figli di Marte”) oppure la macchia rossa di Giove (“Macula rufa in Iove est gyratur mathem etc “, cioe’ “ C’e’ una macchia rossa su Giove che gira matematicamente”)! Quel che, a prima vista, potrebbe sembrare un diletto in realtà e’ un modo per far passare una verità sconosciuta tesa a raggiungere le masse, ma ostacolata rigidamente dal potere religioso del tempo.

Galileo scrive anagrammi indirizzati a Giuliano de’ Medici e a Keplero, nascondendo dietro questo ingegnoso e astuto sistema le osservazioni e le scoperte di carattere scientifico che animano la sua ricerca.  Tra un ammonimento e l’altro scrive anche attraverso un prestanome, trattando delle comete.
Si legge ancora nel libro di Odifreddi: “ … dal 30 novembre 1609 puntò il cannocchiale in aria e… apriti cielo! L’attonito scienziato scoprì via via che la Luna ha monti e valli, Venere fasi simili a quelle lunari, Giove quattro satelliti che gli girano attorno,  Saturno strane anomalie ( in seguito interpretate come i famosi anelli), il Sole ruota su se stesso, le costellazioni e la Via Lattea sono composte di innumerevoli stelle… ce n’era abbastanza per entusiasmare il pubblico, turbare gli scienziati e terrorizzare la Chiesa.”
Il tempo non e’ maturo, purtroppo, per esprimersi in totale libertà di pensiero. L’oscurantismo regna attraverso il principio di superiorità della fede rispetto alla ragione, attraverso la superstizione e il potere e’. esercitato per mezzo delle sentenze del Sant’Uffizio, delle confische dei libri, delle condanne terribili.
Si legge nella sentenza del 1616: “ Che il sole sia il centro del mondo e immobile di moto locale, e’ propositione assurda e falsa in filosofia, e formalmente eretica, per essere espressamente contraria alle Sacra Scrittura.
Che la Terra non sia centro del mondo, nell’immobile, ma che si muova anche di moto diurno, e’ parimenti proposizione assurda e falsa in filosofia, e almeno erronea nella Fede in teologia”.  Galileo fu accusato di eresia. Fu arrestato a Roma nel 1633, subì diversi interrogatori, gli fu impedito di insegnare o diffondere le sue idee. Fu processato e condannato .
Qualche anno prima Giordano Bruno fu giudicato “heretico impenitente, pertinace et ostinato”, fu processato e bruciato vivo a Campo de’ Fiori, nel cuore del centro storico di Roma. La sua statua si trova lì, la figura e’ alta, scura, imponente, austera. Incute quasi timore.
Nel 2011 saremo coinvolti nelle celebrazioni dei centocinquant’ anni dell’Unità d’Italia. Tra le tappe che hanno portato al traguardo ricorderemo anche il discorso parlamentare di Cavour del 7  marzo 1850 mirato a riformare i rapporti con il Clero, a limitarne gli abusi, a definire i confini dei ruoli dello Stato e della Chiesa .
Ricorderemo il 20 settembre 1870, data in cui l’esercito italiano, con in testa i bersaglieri, apre una breccia nelle mura di Roma , a Porta Pia, liberando la città  dal potere temporale dei papi. Nell’anno successivo viene proclamata Roma capitale d’Italia e il Parlamento approva la legge delle guarentigie a garanzia del rispetto del principio della “libera Chiesa in libero Stato”.
Mi piace pensare che qualcuno ci guarderà da lontano, magari attraverso un cannocchiale. Oppure dal lembo di un cappuccio.

Annunci

4 pensieri su “Libri…

  1. Pingback: The Best number six | The Best Magazine

  2. Ho letto con piacere molti libri di Odifreddi ed apprezzo chi stimola il senso critico e contribuisce a “creare” gente che pensa con la propria testa. C’è però da dire, che pur essendo nel secolo tecnologico dell’informazione, serpeggia un oscurantismo della mente che sembra preferire l’adeguarsi ad un pensiero comune, piuttosto che fare uso del proprio.

  3. Conosco Odifreddi solo tramite tv, perciò la mia conoscenza del suo pensiero è limitata appunto a quel tipo di media.
    Condivido comunque la sua battaglia contro l’oscurantismo, che sembra stia tornando… al galoppo, direi!
    A parte questo, devo dire che ho apprezzato molto il tuo articolo, che ha il merito d’affrontare l’argomento-scienza in modo chiaro perfino per me… che con una preparazione filosofico-letteraria, ho poche possibilità!
    Una delle cose che in Italia mancano è infatti una divulgazione seria ma vedo che tu potresti dare una mano in tal senso…
    Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...