Rock’n Roll Christmastime Celebration

by Riccardo Uccheddu

 

Apprezzo il Natale; il carnevale non mi dice granché ma la Nadividad parla alle mie orecchie con voce di sirena (sincera).

Ormai sembra che sia una moda o comunque chic parlare male di mr. Christmas; be’, io mi dissocio!

Certo, non faccio l’errore di credere che a Natale siamo tutti più buoni o più felici: pare che proprio in quel periodo aumenti il numero dei suicidi…

Eppure, io ed il Natale siamo ottimi amici: se non sembrasse un po’ esagerato, potrei dire che è mio figlio o almeno, che lui è mio zio.

Perciò, zampognari, zampognate!

Che musica rimbalza nel periodo in questione?

Oh happy day, lo straordinario pezzo gospel e Happy Xtmas (war is over) di John Lennon.

Ecco, magari… dove sta scritto che Oh happy day possa essere ascoltata solo in periodo natalizio? Il gospel scoperchia le montagne perciò va ascoltato sempre; è il rock ‘n roll di Dio.

Happy Xmas: aveva ragione la buonanima di Willy De Ville quando diceva che Lennon non scrisse quella canzone come sottofondo per la vendita di spumanti e panettoni e che anzi, se J.L. fosse ancora vivo prenderebbe i responsabili di quello scempio a calci in… e non fatemi dire altro perché presto sarà… Natale!

Happy Xmas dice war is over if you want it: la guerra è finita se tu lo vuoi; Lennon fa appello alla nostra volontà di fermare l’orrore della guerra, che non si bloccherà da sola né per magia.

Un altro grande brano “natalizio” è Silent night, che ho sempre trovato mieloso, sdolcinato, insopportabile… finchè non ho sentito l’esecuzione dei Drifters.

E devo a mia moglie la spiegazione del perché i Drifters abbiano potuto rendere così struggente una melodia per me ordinaria: come neri quindi come discendenti di un popolo di ex-schiavi sapevano che cosa significasse stare al freddo, di notte, senza una casa, senza cibo e rifiutati da tutti… come era già capitato a quei tre, tanto tempo fa…

Mi viene inoltre in mente B.B. King che durante il concerto di Natale a S. Pietro, giacca viola pacchianissima (sono d’accordo con voi) ed occhiali da sole si lanciò, chitarra elettrica in resta in una fenomenale Christmastime celebration.

B.B. è stato l’uomo il cui blues, talvolta considerato commerciale ha scritto Why I sing the blues (perché canto il blues) in cui descrive il suo arrivo negli U.S.A a bordo di una nave negriera…

Comunque quando penso ai “miei” natali da bambino, non penso tanto a regali, giocattoli ecc. quanto ai vetri che cercavo di disappannare. Non so il perché di questo ricordo, ma mi rivedo assorto e pensieroso… oggi come allora; o come sempre.

Be’, buon Natale e buon anno a tutte ed a tutti. Di vero cuore!

2 pensieri su “Rock’n Roll Christmastime Celebration

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...