Blog creativo

Parure new barocco

by Pensierieperline

Il barocco è il termine utilizzato per indicare un movimento culturale costituito dalla letteratura, dalla filosofia, dall’arte e dalla musica barocca caratteristiche del XVII secolo e dei primi decenni del XVIII secolo. Per estensione, si indica quindi col nome «barocco» il gusto legato alle manifestazioni artistiche di questo periodo, in particolare quelle più legate all’estrosità e alla fantasia. Tuttavia, da un punto di vista artistico, questa epoca è percorsa anche da una corrente classicista e in generale il linguaggio classico rimane il punto di riferimento comune degli artisti di ogni tendenza. Sulla derivazione del termine ci sono tre ipotesi:

  1. deriva da un’antica parola portoghese, barroco (barrueco in spagnolo), usata per definire una perla scaramazza, ovvero una perla non coltivata, non simmetrica. Proprio per le particolarità del suo stile l’arte barocca si accosta alla perla scaramazza;
  2. deriva dalla figura più complessa del sillogismo aristotelico, il “baroco”;
  3. Attraverso il francese ‘baroque’, attestato in Francia nel XVII secolo nel significato di “stravagante, bizzarro”.

(fonte Wikipedia)

Questa volta ho voluto salutare il triste inverno con una collana dai colori della terra; ho deciso perciò di mischiare il classico al moderno, almeno a mio modo, creando così la “New Barocco”, una collana che richiama i classici giri di perle ma che sono smorzati da un materiale nuovo, che non avevo mai usato, ovvero la Filigrana.

Con il termine filigrana ci si riferisce principalmente, in oreficeria, alla tecnica artistica consistente nella lavorazione ad intreccio di sottili fili d’oro e/o d’argento i quali, dopo la ritorcitura, vengono fissati su un supporto, anch’esso di materiale prezioso, in modo da creare un elegante effetto di struttura traforata. (fonte Wikipedia)

e le perle? beh per svecchiare questo modello le ho sostituite con un mix di perle in vetro di ogni forma e lavorazione, perciò per questo progetto largo spazio alla fantasia! Dimenticavo, avete mai cucito delle perle? ebbene è venuto il momento di imparare qualcosa di più “complesso” della solita infilatura; come sempre cercherò di aiutarvi il più possibile con le spiegazioni e le foto ma se avrete ancora dubbi sulla lavorazione e anche su dove reperire il materiale scrivetemi pure (pensavo di citare il blog di TBM) e sarò felice di aiutarvi.

Materiale 

l       70 mezzi cristalli 6 mm topaz mix

l       100 gr di perle in vetro mix colore topaz

l       baguette in vetro colore topaz

l       conteria topaz

l       filigrana gold plated (circa 5 cm)

l       base per anello estensibile (si può allargare e restringere di 3/4mm ) con  filigrana di diametro 19mm

l       una chiusura decorata rettangolare con linguetta estraibile a 2 fori

l       cavetto di acciaio da 0,45 mm

l       filo di nylon da 0,20 mm o  0,30 mm

l       schiaccini

l       righello

l       forbici

l       pinze coni piatti


Procedimento

Step1: Partiamo dalla parte più “complessa” della collana ovvero la nostra filigrana.
Andremo a decorarla con i mezzi cristalli da 6 mm cercando di cucirli con del filo di naylon e utilizzando i “buchi” che essa ci offre. (mariti mettete al riparo le vostre canne da pesca!)

Da questa foto vediamo la posizione che avranno i nostri mezzi cristalli sulla filigrana con il colore nero viene evidenziato il primo giro con il blu il secondo.
Prendete circa 50 cm di filo di nylon (se per caso durante la lavorazione resterete con poco filo per terminarla non preoccupatevi, fate un nodino sul retro del lavoro e continuate con dell’altro filo tenendo a mente di ripassare prima nelle perle vicino)
Infiliamo da sotto la filigrana il nostro filo di nylon, avendo l’accortezza di lasciare circa 10 cm liberi (questi ci serviranno per ripassare nelle perle cucite per rendere il lavoro più stabile)

 infiliamo un mezzo cristallo e rientriamo nel foro da dove eravamo usciti, tiriamo bene affinché la perla non sia “molle” e usciamo dal foro vicino della filigrana; infiliamo un altro mezzo cristallo e usciamo nel buco appena vicino da dove eravamo rientrati, tiriamo e procediamo così per tutta la prima circonferenza della filigrana.

Una volta terminato il giro facciamo un piccolo nodino al di sotto del nostro lavoro e con i fili avanzati rientriamo in tutti i mezzi cristalli appena cuciti ottenendo questo risultato
Tagliamo dell’altro filo di nylon e continuiamo per un altro giro cucendo i nostri mezzi cristalli sulla filigrana rendendola così più piena senza però deformare e coprire completamente il suo disegno.

Step2: Accantonata per il momento la nostra filigrana passiamo a realizzare i fili che comporranno la collana. Vista l’importanza che assume la filigrana e le sue dimensioni ho deciso che questa non sarà il centrale della nostra collana bensì andrà a collocarsi a lato più o meno all’altezza del cuore.
Prendiamo la nostra chiusura a linguetta, tagliamo circa  30 cm di filo di nylon, infiliamo due schiaccini, facciamo passare il filo all’interno del primo foro della chiusura e poi rientriamo negli schiaccini, tiriamo il filo fino a formare una piccola asola, quando saremo soddisfatti, prendiamo le nostre pinze e schiacciamo gli schiaccini fermando così definitivamente il nostro filo.

A questo punto non ci resta che infilare le nostre perle in vetro alternandole alle baguette avendo l’accortezza di infilare per prime quelle più piccole che avremo preso nel nostro mix, perché i primi 10 cm della collana saranno nascosti dietro al nostro collo e se le perle saranno eccessivamente grosse e lavorate ci daranno fastidio.
Continuiamo così fino a raggiungere 20 cm di lunghezza. A questo punto fissiamo il nostro filo alla filigrana come abbiamo fatto con la chiusura ovvero: infiliamo due schiaccini, facciamo passare il cavetto all’interno di un asola della filigrana, ripassiamo il filo negli schiaccini e nelle perle subito vicini ( in modo tale da nasconderlo) infine schiacciamo gli schiaccini con le pinze fermando così il nostro filo.


Step3: La collana avrà due giri di perle e affinché i due fili non si sovrappongano dovremo tenere circa 3 / 4 cm di differenza in lunghezza tra il primo filo e il secondo.

Perciò la collana girocollo avrà il seguente schema: il primo filo sarà lungo 20cm  poi avrà la nostra filigrana e l’altro lato sarà lungo 25cm,  il secondo filo sarà invece lungo 23 cm verrà agganciato alla filigrana e il restante lato avrà lunghezza 27 cm; perciò tagliate sempre qualche centimetro in più di cavetto per permettervi di fare le asole.

Preparando la collana mi sono accorta che poteva avere due varianti: la prima intervallando una perla di vetro alla baguette


la seconda invece la rende un po’ più ricca e consiste nel formare dei gruppi di 2 /3 perle di vetro in prossimità della filigrana dando più valore alla parte davanti dalla collana e appunto rendendola più corposa.


È con il materiale avanzato, cosa si potrebbe fare?? Un anello!

Procedimento per l’anello:

                   

Step1: Tagliamo 80 cm di filo di nylon, inseriamo una perlina di conteria topaz e la portiamo alla metà del filo, inseriamo da sotto la base forata (filigrana) del nostro anello i due capi del filo portando così la perlina nel punto indicato in foto, ora incrociamo i fili e rientriamo nei rispettivi buchi per poi rientrare nella perlina in modo tale da fissarla alla base dell’anello.


Step2: Procediamo a “cucire” le nostre perle di vetro e conteria in modo casuale cercando di rientrare in tutti i buchi della base ed evitando di formare degli spazi vuoti; se questo dovesse accadere si potranno riempire inserendo 3 o 4 perline di conteria o delle baguette e rientrando nel foro scoperto.
Per cucire le perline: usciamo con il filo di nylon da sotto la base, inseriamo una perla poi una perlina di conteria e rientriamo nella perla ed infine rientriamo nel buco della base forata dove avevamo fatto passare il filo precedentemente.

Continuiamo così per tutta la base dell’anello.
Se per caso il filo non dovesse bastare passiamolo sul retro della lavorazione e facciamo un piccolo nodino, tagliamo un altro pezzo di filo di nylon, facciamo un nodino sul retro del lavoro e continuiamo a cucire le restanti perle.

Step3: Terminato di cucire tutte le perline di vetro, la conteria e i mezzi cristalli avanzati fermiamo il lavoro portando i due fili di nylon sul retro del lavoro e fermandoli con dei nodini, cerchiamo poi di ripassare il filo nella perlina di conteria inserita sul retro e attorno ad essa facciamo altri nodini piccolini.

Una volta terminati i due lavori rifiniamo tagliando gli eccessi di filo di nylon dalle filigrane e passando una goccia di colla o dello smalto trasparente sui nodini fatti con il nylon; lo smalto ( o la colla liquida non l’attack) una volta asciutta li renderà duri e quindi sarà difficile che si disferanno rendendo così più sicuro il nostro lavoro.

Come sempre spero che vi sia piaciuta, vi auguro Buon Lavoro e Buona Primavera!

7 pensieri su “Blog creativo

    • Si stavolta la parola giusta è pazienza!! per questa creazione ce ne vuole un pizzico in più delle altre.. che a differenza di queste sono più semplici.

  1. Pazienza, fantasia, creatività, buon gusto per le cose belle, ecco le prerogative della nostra Lely.
    L’unico neo che ci fa disperare ogni volta che pubblichiamo le sue opere, ma sia Solindue che io lo facciamo con amore.🙂

    ‘nnagg… !!!

    • 😳 eh si stavolta di pazienza Arthur ne ha messa a valanghe insieme a Sol…
      prometto di limitarmi per il prossimo numero… ma ovviamente non in creatività!!

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...