“PIOVE”, disse.

By Luciano

Usciti dal cinema, querula: “Piove”, gli disse. Aria grigia.

Con l’ombrello marrone, affettuoso: “Ecco qua!”, le propose riparo.

Un piede, stizzita: “Uffa!”, per terra batté. Rossa la scarpa. Era un giorno così. Oggi lei, ieri lui.

Sollecito, un taxi dal: “Cinema Flora”, chiamò, “per favore”.

Secca l’addetta: “Quattr’inuti-Za’-30”, troncò e riappese.

Adirata: “Piove!”. Grigia: “Piove!”, ripeté.

Incoraggiandola: “Pensa”, mitigò, “pensa: non c’è da annaffiare”.

Imbronciata: “Ma piove…”, ribadì e sconsolata. “L’umore l’ho nero”.

Premuroso: “Per le tue ballerine?”, indagò.

Risentita dell’acqua e del grigio: “Adorabile amore!”, non certo di lui, assicurò.

Accorto: “Il bucato la tata”, le fece, “l’avrà ritirato, bianco, vedrai”.

Riconfortata di un poco: “Piove e va bene?”, sperò.

Allegro: “Va bene, se piove, va bene”, sereno asserì. “Il sereno poi arriva, portandoci il verde. In aprile, se piove, è così”.

Bianco e leggero il tassì “All’Erta Canina” puntò, “gentilmente” lui chiese; giallo e bianco e leggero, su strade fluenti dell’ora incongesta. Nere e bagnate.

A casa tornati, tornato il sereno. Le rose vermiglie “Godon piena salute, ero certo” e l’intero giardino. Il mondo s’asciuga tornato sereno.

Umide appena “Cara, dai a me” dismesse le scarpe ripone di entrambi, le nere, le rosse.

Il bucato, solerte, “Appena per tempo” ha ripreso la tata, bianco disteso.

Acceso d’amore: “Facciamo un bambino”, la esorta; “la tata già c’è. Altrimenti, a che pro?”

Dubbiosa: “A che pro siamo qua, altrimenti?” Non sa.

Sincero: “Non so”, le confida, “neanch’io”, le confida, “e così dico orsù!”

Ma grigia oggi lei, ieri lui: “Che paura mi fa; un bambino”.

5 pensieri su ““PIOVE”, disse.

  1. Luciano, che film sono andati a vedere?? La signora ha un po di mala grazia, ma, se ci assicuri che ieri era lui e oggi è lei…possiamo soprassedere…ma come, tutti quei colori, la primavera, il verde aprile non la spingono verso la vita? che non veda solo il grigio, ha le scarpe rosse, danno allegria, perchè non si lascia contagiare? Non ha visto la rosa baciata dall’acqua come sorride?

  2. Sai una cosa, Luciano, secondo me questo tuo pezzo dovrebbe essere letto, è un pezzo da teatro e potrebbe essere un’idea per il prossimo numero di The best, pubblicare la voce di chi si presta a leggere i pezzi migliori e più significativi.

    Che dici?

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...