Criminal tango

by Folletta bacibaci

Sabato sera, una serata dedicata a una specie di rimpatriata familiare, un compleanno da festeggiare e un comportamento da tenere, perché non puoi essere sempre al di sopra delle righe specialmente quando ci sono i genitori del fidanzato di figlia grande. Sabato sera, ristorante al centro, Piazza Augusto Imperatore, e dal finestrone guardo i nuvoloni neri che si stanno avvicinando e il mio pensiero comincia ad andare indietro nel tempo, a una passeggiata di due estati fa.

D’estate alle 11 di sera i portici di Piazza Augusto Imperatore si animano di coppie di tutte le età, una moltitudine di appassionati che non si conoscono, eppure si salutano come vecchi amici, in comune hanno una grande passione, l’amore per il tango.

Non importa appartenere ad una scuola o essere semplicemente autodidatti, da un lettore che non si sa a chi appartenga escono le note del bandeon di Astor Piazzolla, non ci sono vestiti scintillanti o scarpine di raso, non ci sono rose rosse strette tra le labbra e brillantina tra i capelli, ci sono solo persone semplici con la voglia di stare insieme.

Questo è il “tango clandestino”, ispirato alle milongas, non ci sono biglietti da pagare, non ci sono consumazioni obbligatorie, è tutto all’impronta.

E la musica dai portici ti chiama, tu non sai perché ma ti avvicini e cominci a guardare, e i piedi sembrano battere il ritmo da soli, e il sorriso diventa caldo come questa serata di luna e di stelle, e proprio tu, provetto sciatore, bravissimo nuotatore ma che non sai nemmeno da che parte incomincia un passo mi cingi i fianchi e ti fai trascinare dal suono, e segui i miei passi senza neanche porti il problema che è l’uomo che guida nel ballo, ma tu i passi non li conosci e allora mi segui ed è come se fossimo un’unica anima, e mi stringi più forte e io sento il tuo odore e vedo i tuoi occhi illuminarsi e il tuo sorriso che si fa sempre più vicino.

Tango, sensuale e passionale, trascinante e intrigante, complice e clandestino.

Stasera non ci sono lettori mp3, stasera sta piovendo e io sono qui in questa riunione di famiglia, ma mentre i goccioloni bagnano la vetrata e le nuvole si fanno sempre più spesse e scure, il caldo di quella sera, il sapore di quell’abbraccio mi rendono tutto meno triste, e al momento del brindisi alzo il flut un pochino più in alto, perché tra i tanti auguri formali un cin cin muto per noi ci sta, ci sta bene, ci sta tanto di “criminal tango “.

3 pensieri su “Criminal tango

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...