Il grande silenzio

By Jaulleixe

C’è un bellissimo film di Philip Gröning, ambientato nel rigido monastero di Grenoble, in cui dall’inizio alla fine non si sente una parola, una canzone, una qualche vocalizzazione umana (tranne un cenno di comunicazione con il gatto). Quasi tre ore in cui si succedono i minuti, le ore, le stagioni senza arrecare loro disturbo. Nessuna violazione dello Spazio e del Tempo, salvo qualche interruzione da dedicare alla meditazione o alla preghiera, o a inevitabili incombenze quotidiane (collocate entro uno stile di vita che comunque si confà ai ritmi della Natura per la sua regolarità, per la sua ciclicità). Il resto è puro ascolto.

E di che, direte voi?

Scoprirete che tre secoli di rivoluzione industriale ci hanno assuefatto all’ inquinamento acustico il giorno in cui vi concederete, senza programmarlo, una gita fuori porta. In un posto che credevate pullulare di turisti, e invece è stato dimenticato dall’uomo. Magari avrete ancora nelle orecchie il motivetto dell’ultimo concerto a cui avete assistito con entusiasmo, anzi, lo fischiettavate fino a poco fa.

Lì vi accorgete, come fosse la prima volta, del fruscio del fogliame al vostro passaggio. Del laborioso ronzio degli insetti tra i fiori. Dell’impercettibile respiro delle piante e degli alberi sotto cui vi riparerete dal sole. Del gorgoglio dell’acqua che vi scoprirete capaci di distinguere da lontano, mossi da gran sete, e di cui le orecchie non saranno mai sazie anche dopo che avrete finito di bere. Allora rimarrete estasiati dinanzi a quella fonte, scoprendo tutto intorno a voi una miriade di esseri viventi che gioiscono dell’infinita musicalità della Natura. E vi aprirà il cuore.

2 pensieri su “Il grande silenzio

  1. Considerazioni condivisibilissime, le tue.
    L’alienazione contemporanea passa, spesso e (mal)volentieri per l’inquinamento acustico, per questa gran massa di suoni ed anche di informazioni che sconfinano nel rumore, nel caos.
    Si ha sempre meno voglia o tempo di star soli con sè stessi e di meditare.
    Secondo me la faccenda è voluta: in modo da poter manipolare la gente a volontà, in modo da rendere il pensiero facilmente sostituibile con un jingle pubblicitario.
    Ciao.

  2. Trovo che i rumori della città mi chiudano in uno spazio/tempo definito e limitato, mentre quando sono nel silenzio della natura vengo proiettata in una dimensione senza confini, come un grande e prolungato lieve respiro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...