TB.#1_music in my ears

 

Ciao, sono Riccardo e da oggi, ringraziando Sol’ e tutte/i inizia la mia collaborazione a The Best Magazine; di ciò sono molto onorato.

Mi occuperò di una rubrica musicale che si chiamerà Music in my ears. Questo titolo si rifà a quello di una canzone che andava forte quando ero ragazzino, Music is in the air.

Certo, la musica di cui parlerò sarà quella che si trova nelle mie orecchie, ears; ma spero che sia anche quella che gira libera per l’aria.

In questo momento sto ascoltando il cd dell’americano Willie Nile Streets of New York. Il buon Guglielmino è un tipetto tosto: in 30 anni di carriera ha inciso solo 9 dischi. Insomma, quando non gli va di dire niente, mette la museruola a sé ed alla propria chitarra.

Il suo è un rock urbano, “di strada” che riesce ad essere molto grintoso ma nello stesso tempo, anche un po’ melodico (ma non mieloso).

Inoltre, certe songs di Willie posseggono anche un leggero ma inconfondibile sapore celtico, irlandese… come in The day I saw Bo Diddley in Washington Square, un brano che può rimandare a ballate folk come quelle dei Dubliners. Irlanda… e nel pezzo sembra che Willie immagini d’aver incontrato, chissà, il fantasma di Bo Diddley, l’Autore di Mona.

Comunque io penso che la musica racchiuda sempre un che di molto misterioso. Molte tribù africane hanno custodito la credenza secondo cui nei tamburi vivrebbero le anime degli antenati. E per S. Agostino: “Chi canta, prega due volte.”

Perciò fate pure musica e siate felici: Lassù gradiscono molto. I vicini, quaggiù, non si sa…

Bene, quindi la musica è davvero in the air, nell’aria, non va solo in air, in onda. Rimbalza sui muri, li sfonda, rotola per le strade e si confonde con le gocce di pioggia che scintillano nel sole, lei…

Per il bluesman John Lee Hooker, il blues si trovava già in Paradiso… sotto forma di Serpente. Infatti, il blues è la musica del Diavolo. La Signora è quindi molto buona & molto cattiva. Sì, proprio come gli esseri umani ed anche come quelli che fingono d’esserlo!

Ascolto Rendez-vous di Springsteen e quel pezzo mi ricorda quanto fosse importante, quando avevo 15,16,17 e così via anni che quella ragazza mi degnasse di uno sguardo, di un sorriso… qualsiasi cosa.

Mi rituffo in quella Corale per organo di Bach e riacquisto la serenità che mi regalò la 1/a volta che l’ascoltai.

In ogni caso la musica, proprio come una donna innamorata, dà tutto ma per sé non chiede niente… se non d’essere amata.

by Riccardo

3 pensieri su “TB.#1_music in my ears

  1. Amico mio solo un grande abbraccio e complimenti per la rubrica. La musica è dentro di te e tu sei nella musica, e poi lo stile del tuo scrivere la rende unica…Monica

  2. Pingback: the best magazine_#1 « arthur…

  3. Innanzitutto scusami per il ritardo nella risposta, carissima Monica!
    Sono contento che tu abbia apprezzato l’articolo.
    Lo sono soprattutto perchè ti conosco come una persona senz’altro gentile ed insieme sensibile e schietta.
    La musica è probabilmente un modo per trascendere lo spazio ed il tempo e per redimerci dal dolore.
    Io, almeno, cerco di viverla in questo modo.
    Un caro saluto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...